Le biblioteche devono restare aperte!

Questo post è stato scritto da Paolo Natali il 6 dicembre, 2020

Biblioteca Scandellara

Tra i provvedimenti assunti dal governo per contrastare la pandemia era stata prevista la chiusura delle biblioteche.

Non condividendo questo provvedimento ho scritto nei giorni scorsi una lettera che è stata pubblicata il 3 dicembre da Repubblica Bologna:

“Francamente non riesco a capire per quale motivo si sia decisa la chiusura delle biblioteche di quartiere. Nei mesi precedenti la chiusura, si potevano prenotare telefonicamente i volumi, i dvd e le riviste desiderate che poi si ritiravano recandosi in biblioteca, entrando uno per volta, riconsegnando contestualmente i volumi presi in prestito in precedenza.

Non trovo questa modalità sostanzialmente diversa da quella che oggi si utilizza per acquistare un giornale in edicola o un volume in libreria.

Il recapito a domicilio, introdotto in questo periodo di chiusura potrebbe essere una comoda modalità per chi non può o non se la sente di recarsi in biblioteca, aggiuntiva e non alternativa al ritiro ed alla riconsegna in presenza.”

Questa mattina ho ricevuto la newsletter della Biblioteca Scandellara, che frequento abitualmente, che riportava questa notizia

L’ultimo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3 dicembre scorso, consente di riprendere il prestito in sede:
DA MERCOLEDI 9 DICEMBRE 2020
è di nuovo possibile prendere a prestito i libri direttamente in biblioteca,anche se esclusivamente su prenotazione.
Per il momento non è infatti possibile fermarsi a leggere o consultare libri, si può entrare solo per ritirare i libri prenotati e rendere i libri depositandoli negli appositi contenitori al banco della biblioteca.
E’ possibile continuare a utilizzare il servizio di Prestito a domicilio, i fattorini in bicicletta di Consegne Etiche vi porteranno direttamente a casa quello che vi interessa.
Sia per il ritiro a domicilio, sia per il prestito in biblioteca, contattare la biblioteca scrivendo a bibliotecascandellara@comune.bologna.it o telefonando allo 051 219 4301 negli orari di apertura.
Tutto avviene in maniera gratuita e sicura: i libri, sia quelli prenotati per il ritiro in biblioteca,
sia quelli ricevuti a casa con il prestito a domicilio,
sono sottoposti a quarantena dopo l’ultimo prestito e sono maneggiati in sicurezza.
Sono molto lieto che la ragionevolezza abbia prevalso!

Commenti dei lettori

Grazie cara Emanuela

#1 
Scritto da Paolo Natali il 6 dicembre, 2020 @ 23:15

Aggiungi un commento

* usa un nome vero
* non verrà pubblicata

Articolo precedente: Prmarie sì, primarie no.